domenica 11 novembre 2018

QUANTI MODI DI FARE E RIFARE RISO E PORRI DEGLI ORTOLANI DI ASTI



                                                      Ciao a tutti e buona domenica!
 
                                           Oggi abbiamo il nostro appuntamento preferito 

                                                seconda domenica del mese alle ore 9
                  


                                                                                                                                                                                      
La nostra Cuochina ha preparato per il 2018 uno splendido menu' con 11 ricette di
 "I Primi della Cucina Italiana"
Ricette del Menù 2018 della Cuochina
                           con le cuochine dei  Quanti modi di fare e rifare                                               
                                          💙💜💚💛💔💙💜💚💛💗 



Siamo già state nel Lazio, Basilicata, Emilia Romagna,  Campania,  Puglia,  Sicilia,
Sardegna,agosto in ferie.., Basilicata, Emilia Romagna
E' stato un viaggio bellissimo, divertente, istruttivo e anche di meraviglia ..
ma quanto sarà buona e creativa la cucina italiana??  
Oggi dove andiamo?
    
                                               Piemonte con questa zuppa meravigliosa





Nota dal libro: 
L'origine di questo piatto risale al Medioevo. Fin da quell'epoca alcuni orti cingevano la periferia di Asti, nella fertile piana del Tanaro, ed erano coltivati soprattutto ad aglio e porri. Gli ultimi vecchi ortolani d'Asti hanno dato questa ricetta agli autori del libro; gli ortolani dicono che il porro fa bene agli occhi e "pulisce" il sangue.

Questo, comunque, è un piatto rinfrescante e digeribilissimo oltre che economico perché si possono utilizzare tutti gli eventuali avanzi di formaggio.

Eccoci pronte per raccontarvi come abbiamo rifatto questa ricetta che non conoscevamo e che diventerà la nostra coccola per autunno/inverno 2018!!

Per seguire la ricetta originale vi rimandiamo nella casetta della   Cuochina   Riso e porri degli ortolani d'Asti


Noi l'abbiamo fatta ...senza "fondo" ...non abbiamo fatto soffritto ... 
Abbiamo lavato e affettato in modo sottile due porri eliminando la parte verde.
Sbucciato, lavato  e fatto a piccoli quadrotti le patate...quanto?  circa 500 gr.
Messo il tutto in una pentola con circa 1,5 litro di acqua salata, una foglia di alloro e fatto cuocere per circa 30 minuti a fiamma moderata.
Abbiamo aggiunto un pugno di riso a testa, una generosa grattatina di noce moscata e fatto cuocere per circa 20 minuti.
Pronta?...Quasi...
Fuori dal fuoco abbiamo mantecato con 50 gr. di burro e 50 gr. di parmigiano reggiano grattugiato.


Tre piccole varianti per presentarla in tavola:
striscioline di porro (la parte verde) scottate in acqua bollente
alcune fette di prosciutto crudo fatte croccare in un tegame anti-aderente e spezzettate in piccole cialdine
cubetti di caciottina fresca messa alla base delle scodelle


Il calore della zuppa fa sciogliere il formaggio


e adesso siiiii!! è pronta per essere coccolosamente gustata.

Il nostro  grazie grande..SEMPRE..
 a Cuochina, Anna, Ornella dei   Quanti modi di fare e rifare, per il loro costante impegno,
un saluto a tutte le cuochine che "RIFANNO" con noi .....
troppo divertente andare in regioni diverse e preparare ricette sempre particolari.
Per il nostro ultimo appuntamento del menu' 2018 si va in
Alto Adige  
Un bacio dalle 4 apine
 
9 dicembre 2018  Ravioli della Val Pusteria (Turteln) (25 dicembre Natale)

8 commenti:

  1. Buongiorno care Apine!
    Eccoci, puntuali, al nostro appuntamento di novembre! Siamo in autunno inoltrato, ci avviciniamo pian piano alla fine dell’anno, la natura si prepara al riposo invernale, le giornate si accorciano, il buio ed il freddo ci fanno venir voglia di stare in casa, al calduccio.
    Oggi, giorno di San Martino, spignattiamo in allegria, il vino nuovo riempie i calici e con la ricetta odierna ci sta una meraviglia!
    Cuochina, Anna e Ornella vi ringraziano per aver preparato la vostra ottima versione del Riso e porri degli ortolani d’Asti.
    Il prossimo appuntamento con la bellissima cucina aperta di Quanti modi di fare e rifare sarà il 9 dicembre con una ricetta altoatesina Ravioli della Val Pusteria (Turteln)

    Vi aspettiamo!
    Cuochina

    RispondiElimina
  2. Ma che bontà Apine e che bellezza il vostro riso e porri! E' sempre bello passare da voi, buona domenica e alla prossima!

    RispondiElimina
  3. Buona e bella da vedere, buona domenica

    RispondiElimina
  4. L'aspetto del piatto è molto invitante, ben venga un piatto di questi !

    RispondiElimina
  5. Fantastica versione, siete nel pieno della creatività...come più o meno tutto l'anno, bravissime!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  6. Una versione e una presentazione degna delle mie apine svolazzanti! Bacione a presto

    RispondiElimina
  7. Wow che piatto elegante, come sempre avete messo nella ricetta della Cuochina un ingrediente in più, la vostra creatività. Sembra semplicemente divina la vostra versione 😋😋😋

    RispondiElimina
  8. Complimenti ragazze la presentazione è come sempre azzeccata, anche i cubetti di caciotta e pezzetti di prosciutto croccante messi alla fine sono un'ottima idea. Buona domenica

    RispondiElimina