venerdì 22 giugno 2012

FIORI DI CAMPO ..O.... CAMPO FIORITO E L'ORTO DELLO ZIO UGO



Da noi si dice "vado a curare" l'orto...devo andare a curare l'orto. Il verbo curare, secondo noi, rende così bene l'insieme dei gesti, attenzioni, passione e mettiamoci pure la fatica nello zappare, togliere le erbacce, innaffiare e...parlare alle piante dei pomodori o salutare le zucchine che stanno crescendo e rimanere incantati dal gran lavoro che il cavolo capuccio fa avvolgendo le foglie una ad una al centro creando così un "pane".
Il nostro orto si chiama Gigi. Quest'anno lo abbiamo seminato più tardi e si sta facendo in quattro per diventare "grande" ..farsi fotografare dalle apine e postarsi su comeunfiorellinodirosmarino!!!
Ecco perchè il raccolto di oggi non è di Gigi, ma dell'orto del nostro Zio Ugo, un mago dell'orto, che riesce a raccogliere di "ogni", grandi quantità, ma soprattutto tutto biologico...ssssimo.


Mentre sgranavamo il pisello e i grani si mescolavano ai  fiori di malva, alle margheritine, violette, begonie e papaveri che avevamo raccolto,
la domanda è stata: "Ma come si fa a mettere tutto questo in un piatto, compresa, la freschezza??...
Sapevamo di avere una ciotola che poteva richiamare i petali dei papaveri e le belle giornate di sole......



Abbiamo cotto, frullato e decorato il nostro
campo  fiorito e con la menta abbiamo creato
freschezza ai nostri fiori di campo..... 



Ecco il nostro risultato....siamo TROPPO contente.



E' veramente squisita da fare ...da fare...e da rifare

Abbiamo utilizzato per quattro persone

1/2 kg di piselli
1 zucchina
olio evo
1 scalogno
2 spicchi aglio
brodo vegetale quanto serve
1 manciata di foglie di menta
10 foglie basilico
crostini di pane

Affettare lo scalogno, pulire due spicchi di aglio interi e rosolarli in pentola.
Aggiungere pochissima acqua, i piselli e la zucchina tagliata a quadretti e solo la parte verde. Fare insaporire bene e aggiungere, a questo punto, acqua calda con il dado e fare cuocere per circa 15 minuti.
Frullare con mixer ad immersione, aggiungere una bella manciata di foglie di menta e una decina di basilico, lasciare insaporire e ...frullare ancora.



Si può servire tiepida o fredda (noi fredda) accompagnata da crostini di pane fiorito e decorata, in questo caso, con fiori di malva, begonia, margheritine, violette, petali di papavero...ma



siamo sicure che ognuno sceglierà secondo la propria fantasia ...compresi i petali di fiori essicati che noi abbiamo usato in tante occasioni.



Con questo Campo fiorito o fiori di campo partecipiamo
al contest di Cinzia e Valentina 

Un bacio dalle 4 apine e volete vedere l'orto dello Zio Ugo??
Eccolo
N.B. il piccolo trattore anni  1950  è chiamato "SALTAMACION" che significa SALTA LA MACCHIA
(non ha paura di nulla!!) 
 









18 commenti:

  1. Che buono!!!! E che belle foto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Valentina,
      siii..a noi è piaciuto tanto ..per
      le foto noi siamo delle api apprendiste ...speriamo di migliorare!!
      Un bacio le 4 apine

      Elimina
  2. ragazze, questa ricetta è semplicemente "poetica" oltre che buona e presentata benissimo... e che posso dirvi dell'orto Gigi? Che penso che da solo, un orticello di 30 mq può sfamare tre famiglie, se ben "curato".. e penso che la Terra sia meravigliosa, poi sa regalare anche questi fiori, che rallegrano gli animi :) non possiamo davvero chiedere oltre, davvero!
    braveeee!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eccoci...ciao Cinzia
      grazie da parte nostra siamo molto contente e grazie....anche da parte di Gigi......
      è molto sensibile, come gli umani, alle belle parole!!
      Un bacio le 4 apine

      Elimina
  3. Che meraviglia, tutto bellissimo.....la deliziosa zuppa con una presentazione da favola e le foto di quel favoloso orto che allarga il cuore!!!
    Voi curerete l'orto, sicuramente con tanto amore, ma quello che vi rende non ha prezzo!!!
    Baci e buon lavoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eccoci Laura
      grazie per le belle parole e grazie......per il buon lavoro
      perchè è proprio così ...l'orto va CURATO!!
      un bacio le 4 apine

      Elimina
  4. Ma che spettacolo! Brave Brave! E che fantasia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eccoci,
      hai visto ...quanto sono belli i fiori di
      campo guardati in modo diverso!!
      Grazie e un bacio
      dalle 4 apine

      Elimina
  5. L'orto Gigi mi piace, mi piace anche il termine che usate "curare".
    Quanta bontà dall'orto di zio Ugo, per questa delizia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Fr@
      fra qualche giorno pensiamo di postare anche
      le foto di Gigi...ormai è "cresciuto"...certo
      quello dello zio è imbattibile!!
      Un bacio le 4 apine

      Elimina
  6. stupendo l'orto e invitante la zuppa:vai sul mio blog, c'è una sorpresa per te

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eccoci,
      ciao Simonetta
      GRAZIE..siamo già andate e ancora GRAZIE
      faremo un post a breve ...con tutti i premi!!!
      Un bacio dalle 4 apine

      Elimina
  7. Apineee siete delle artiste :D
    Che zuppa da favola, mi ci butterei dentro a mo' di piscina ;-)
    Senza parlare dell'orticello-ello-ello Zio Ugo, che meraviglia!!
    Ma quanto siete fortunate :))
    Bacioni quadrupli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eccoci Anna,
      ciao e grazie mille...diciamo che cerchiamo di
      imparare sempre qualche cosa.....come dicevamo a
      Fr@ abbiamo intenzione di postare le foto di Gigi
      fra qualche giorno
      Quattro baci e al...6 luglio con la cuochina!!
      le 4 apine

      Elimina
  8. Complimenti allo zio Ugo per la cura che mette a ben tenere il suo orto (imparate apine, imparate). La zuppa deve essere squisita come quella che mi faceva mia madre. Ma lei usa (è ancora viva - 97 anni) gli "spezzati" che danno più corpo al piatto. Anzi, visto che stasera sono solo (mia moglie è impegnata con il coro ed io sono bloccato con il mal di schiena) me ne faccio una. Buona domenica a tutte quattro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cia Elio,
      hai proprio ragione dobbiamo imparare e anche MOLTO!!
      Un saluto alla tua mamma e complimenti per il tuo blog sempre
      ricco di spunti turistici...che ci piacciono molto!!
      Un bacio le 4 apine

      Elimina
  9. che bellezza questo post!! e poi l'idea di dare un nome all'orto, la dice lunga sul vostro amore per quello che ci cresce e per tutte le cure che si devono prestare. Il piatto è da applauso, una sintesi di profumo e colore, grazie!!
    Buona serata,
    Vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eccoci...
      Valentina grazie ...che belle parole ...ci danno molta gioia!!
      ....lo leggeremo anche a Gigi questo tuo commento!!
      Un bacio le 4 apine

      Elimina