domenica 10 marzo 2019

QUANTI MODI DI FARE E RIFARE (Ebi katsu) Cotolette di gamberi



                                                      πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“

                               
                                                          
                                                             Ciao a tutti e buona domenica!         

                                           Oggi abbiamo il nostro appuntamento preferito ...

                                                    πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“
                                                      seconda domenica del mese alle ore 9
                                                  con le cuochine dei  Quanti modi di fare e rifare

La nostra Cuochina ha preparato per il 2019 uno splendido menu' con  ricette
                  "made in Japan (Giappone)" e "made in Norway (Norvegia)

Avremo sempre la valigia pronta e un mese andremo in Giappone e il mese successivo andremo in Norvegia e così via... non vediamo l'ora!!
                                                     πŸ’™πŸ’œπŸ’šπŸ’›πŸ’”πŸ’™πŸ’œπŸ’šπŸ’›πŸ’—
                                                                    menΓΉ del 2019.

Oggi si va in "made in Japan (Giappone)"
(Ebi katsu) Cotolette di gamberi 

Dobbiamo dire subito ..subito che sono TROPPO BUONE queste cotolette e dobbiamo anche dire che le abbiamo preparate due volte la prima ..uguale uguale alla ricetta della cuochina cotolette-di-gamberi.
la seconda volta abbiamo seguito il consiglio della cuochina che vi riportiamo

Ricetta molto popolare che piace anche ai bambini! Irresistibili per la consistente croccantezza dell’involucro ed il sapore dei gamberi . Ottime anche per farcire i panini


Si abbiamo farcito dei panini che abbiamo comperato dal fornaio e che sono piaciuti "da matto" come dice la nostra piccola apina di 4 anni.


Ingredienti per le cotolette

300 gr. di gamberi sgusciati
2 patate pasta gialla
foglioline di timo limonato (oppure timo oppure basilico)
sale e pepe

per la panatura
2 uova
2 cucchiai di farina
pane grattato mischiato a capelli d'angelo tritati (poetico il nome ma sono un tipo di pasta sottilissima)
olio di semi  per friggere

per farcire
foglie insalata scarola lavate
maionese in tubo



Abbiamo sgusciato i gamberi e rimosso il filamento nero.sul dorso.
Li abbiamo in parte tritati a coltello e in parte fatti a tocchetti.
Abbiamo lessato le patate in acqua salata partendo da acqua fredda e una volta cotte le abbiamo sbucciate e schiacciate a purea.
Abbiamo unito i gamberi alle patate ancora tiepide che si sono compattati subito, foglioline di timo limonato. sale e pepe.
Abbiamo formato delle palline come un mandarino..
In una ciotola abbiamo spaccato le due uova aggiunto la farina poco sale e pepe, mescolato con una frusta.
Le abbiamo passate nel pangrattato-capelli d'angelo,  nell'uovo e farina e poi ancora nel pangrattato-capelli d'angelo. Si formeranno dei piccoli aghini che una volta fritti sono croccanti e davvero gustosi.
Abbiamo fritto le nostre palline in abbondante olio a 180°C, fino a doratura e fatte sgocciolare su carta assorbente



                                                    Volete un panino anche voi?

Si davvero a noi veniva l'acquolina in bocca nel prepararli...
foglie di scarola, puntine di maionese , chiusura panino con il suo "coperchio" croccante e



UNA MERAVIGLIA!!!


gnammm...... gnammm

Il nostro  grazie grande..SEMPRE..
 a Cuochina, Anna, Ornella dei   Quanti modi di fare e rifare, per il loro costante impegno,
un saluto a tutte le cuochine che "RIFANNO" con noi .....
  troppo bello questo menΓΉ e gran bella idea di farci prendere un aereo ogni mese!!!
 
Infatti il mese prossimo voleremo in Norvegia

 14 aprile 2019  (Stekt laks med kokosris) Salmone in padella con riso al cocco

domenica 10 febbraio 2019

QUANTI MODI DI FARE E RIFARE (Kikertsalatmed eggerΓΈre) Insalata di ceci con uova strapazzate




                                                      πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“


                               
                                                          
                                                             Ciao a tutti e buona domenica!         

                                           Oggi abbiamo il nostro appuntamento preferito ...

                                                    πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“
                                                      seconda domenica del mese alle ore 9
                                                  con le cuochine dei  Quanti modi di fare e rifare

La nostra Cuochina ha preparato per il 2019 uno splendido menu' con  ricette
                  "made in Japan (Giappone)" e "made in Norway (Norvegia)

Avremo sempre la valigia pronta e un mese andremo in Giappone e il mese successivo andremo in Norvegia e così via... non vediamo l'ora!!
                                                     πŸ’™πŸ’œπŸ’šπŸ’›πŸ’”πŸ’™πŸ’œπŸ’šπŸ’›πŸ’—
                                                                    menΓΉ del 2019.

Oggi si va in Norvegia....pronti per una insalata che ci ha sorpreso per la bonta'


                      (Kikertsalatmed eggerΓΈre) Insalata di ceci con uova strapazzate

Al nostro alveare questa insalata Γ¨ piaciuta tantissimo e l'abbiamo rifatta giΓ  un paio di volte.
E' un piatto che va bene per il pranzo o per la cena, veloce da preparare, fresco e gustoso da mangiare e bellissimo da vedere


Ci siamo attenute alla ricetta della cuochina che riportiamo sotto in rosa, sostituendo solo due cose:
il prezzemo con erba cipollina e margarinca per cuocere con olio evo.

Ingredienti per 4 persone
• 400 g di ceci in scatola
• 1 cipolla rossa
• 2 arance
• 4 cucchiai di prezzemolo fresco tritato
• 1 pacco di babybladsalat 65 g*
• 8 uova
• 8 cucchiai di acqua
• ½ cucchiaino da the di sale
• ¼ cucchiaino da the di pepe
• 2 cucchiai di margarina per cuocere

*babybladsalat: baby(piccolo) blad(foglia) salat (insalata) Γ¨ un misto di insalata, spinaci, rucola..tutte novelle.



Preparazione
1. Versare i ceci in un colino e lasciarli scolare bene.
2. Affettare sottilmente la cipolla. Togliere tutta la buccia delle arance e tagliarle a fette.
3. Mescolare insieme ceci, cipolla, arance, il prezzemolo e l'insalata.
4. Rompere le uova in una ciotola, sbattere insieme all'acqua, sale e pepe. Scaldare in una padella la margarina, cuocere le uova strapazzate e mescolarle con l'insalata.



Bella vero?
Questa insalata puo' cambiare look ogni volta che si rifΓ , utilizzando piatti diversi e soprattutto disposizione degli ingredienti...quasi da essere diversa agli occhi, ma naturalmente no nel gusto...sempre buonissima!



Il nostro  grazie grande..SEMPRE..
 a Cuochina, Anna, Ornella dei   Quanti modi di fare e rifare, per il loro costante impegno,
un saluto a tutte le cuochine che "RIFANNO" con noi .....
  troppo bello questo menΓΉ e gran bella idea di farci prendere un aereo ogni mese!!!
 
Infatti il mese prossimo voleremo in  Japan



10 marzo 2019  (Ebi katsu) Cotolette di gamberi

domenica 13 gennaio 2019

QUANTI MODI DI FARE E RIFARE (Doughnut) Ciambelle di zucca, noci e tofu


                                                      πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“

                               
                                                             Ciao a tutti e buona domenica!
                                                   Oggi abbiamo il nostro appuntamento preferito ...

                                                    πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“πŸ’“
                                                      seconda domenica del mese alle ore 9
                                                  con le cuochine dei  Quanti modi di fare e rifare
 
Buon anno !!!
  Anno nuovo ...nuovo menu' 

La nostra Cuochina ha preparato per il 2019 uno splendido menu' con  ricette
                  "made in Japan (Giappone)" e "made in Norway (Norvegia)

Avremo sempre la valigia pronta e un mese andremo in Giappone e il mese successivo andremo in Norvegia e così via... non vediamo l'ora!!
                                                     πŸ’™πŸ’œπŸ’šπŸ’›πŸ’”πŸ’™πŸ’œπŸ’šπŸ’›πŸ’—
                                                                    menΓΉ del 2019.

Una ricetta piΓΉ bella dell'altra vero?
Oggi iniziamo con il Giappone e faremo

   (Doughnut) Ciambelle di zucca, noci e tofu

Possiamo rubarvi un attimo di tempo prima di raccontarvi come abbiamo preparato le nostre ciambelle di zucca, noci e tofu?

                          Il 13 gennaio - S. Ilario  Γ¨ una giornata speciale per la nostra cittΓ . 


Infatti il Patrono di Parma Γ¨ S:Ilario e la tradizione vuole che si preparino delle scarpette di pasta frolla decorate con glassa di zucchero. zuccherini colorati ecc...
Le pasticcerie, i forni e anche diversi supermercati espongono in bella vista le loro scarpette di tanti colori e sono davvero belle!
Narra la leggenda: in un inverno gelido e nevoso Sant'Ilario passΓ² per Parma, dopo un lungo e faticoso cammino, con ai piedi un paio di scarpe vecchie e sciupate, ormai da buttare. Un calzolaio, impietositosi, gli fece dono di un paio di scarpe nuove. Il giorno seguente l'artigiano, entrando nella sua bottega, con sorpresa trovΓ² al posto della scarpa regalata a Ilario, un paio di scarpette d'oro.


Abbiamo cercato di seguire alla lettera le indicazioni della cuochina.
Infatti siccome abbiamo trovato il tofu naturale lo abbiamo fatto sgocciolare alcune ore.
Che siamo apine pasticcine si sa!!
Questa ricetta ci Γ¨ piaciuta molto, ma abbiamo fritto e rifritto prima di ottenere delle ciambelline ben
cotte all'interno.
Abbiamo chiesto consiglio alla cuochina che ci ha suggerito di asciugare ben bene il tofu e anche la
zucca deve essere ben asciutta.


Facciamo un copia incolla in rosa degli ingredienti e delle indicazioni della preziosa cuochina  e vi mostriamo come abbiamo lavorato 

Per 12~15 pezzi da 40 g
300 g di zucca
200 g di farina per dolci autolievitante
200 g di kinugoshi tōfu (tōfu seta)
50 g di noci
olio per friggere qb
olio di semi (per rendere le ciambelle lisce) qb
① 3 cucchiai di zucchero semolato
① ½ cucchiaino di cannella in polvere

Preparazione
Tostare le noci in forno a 180°C per 4 minuti circa e mettere da parte.
1. Spezzettare grossolanamente le noci.
2. Sbucciare la zucca e tagliarla in pezzi da 1 cm circa di spessore, mettere in un contenitore adatto al microonde e coprire con pellicola per alimenti, far cuocere nel microonde a 600W per 8 minuti.

Ancora calda, schiacciare la zucca a purΓ¨. 


3. Aggiungere  il "tōfu seta" sbriciolato, schiacciarlo e mescolare bene con la zucca, unire la farina per dolci autolievitante e le noci spezzettate e amalgamare.


4. Dividere il contenuto di (3.) in tanti pezzi da 40 g circa e, inumidendosi le mani con dell’olio di semi, formare delle palline molto levigate, friggerle in olio di semi a 160 °C fino a quando diventano dorate, quindi estrarle dall’olio e farle sgocciolare su carta assorbente.


5. Mescolare gli ingredienti contrassegnati con ① e farli aderire alle ciambelle (4.)
6. Sono pronte da gustare.


Considerazioni originali dal sito:
Quando si estrae il contenitore con la zucca dal microonde, fare molta attenzione, c’Γ¨ il rischio di scottarsi
La cannella non piace a tutti, per questo, anche omettendola, le ciambelle saranno lo stesso deliziose.
È una ricetta con poco zucchero, per questo la quantitΓ  degli ingredienti ① puΓ² essere modificata a proprio piacimento, aumentandoli o diminuendoli.

Suggerimenti e spiegazioni
- Kinugoshi tōfu, conosciuto all'estero come "tōfu seta", è una varietà del tofu fresco che si estrae dalla cagliata (per altre notizie, vedere Wikipedia). In mancanza di questo, si può usare il normale tofu vellutato facendolo sgocciolare con sopra un peso per un paio d'ore, ed infine asciugandolo con una salvietta.
- La dolcezza delle ciambelle Γ¨ dovuta alla zucca, per questo deve essere matura al punto giusto.
- La grandezza delle ciambelle puΓ² essere variata a piacimento.


Ci Γ¨ piaciuto molto anche guardare il filmato della ricetta in lingua originale che troverete  Qui 

Il nostro  grazie grande..SEMPRE..
 a Cuochina, Anna, Ornella dei   Quanti modi di fare e rifare, per il loro costante impegno,
un saluto a tutte le cuochine che "RIFANNO" con noi .....
  troppo bello questo menΓΉ e gran bella idea di farci prendere un aereo ogni mese!!!
 

Infatti il mese prossimo voleremo in Norvegia

 
10 febbraio 2019  (Kikertsalatmed eggerΓΈre) Insalata di ceci con uova strapazzate

                                                                Un bacio dalle 4 apine