lunedì 14 gennaio 2013

FAGOTTINI DI VERZA DELL'ORTO DI LUISA E LUCIANO


Ciao a tutti,
avete visto questi fagottini legati o meglio dire infiocchettati uno ad uno preparati per andare tutti nel tegame già pronto con salsina di porro e pomodoro ad accoglierli?
Hanno una bella storia e si sono fatti così belli e si sono fatti fotografare per potervela raccontare.
Hanno il profumo meraviglioso e pieno di nostalgia delle verze ripiene preparate dalle nostre nonne, dalle nostre mamme, ma hanno anche il profumo dei fagottini di verza fatti oggi, seguendo religiosamente la ricetta di casa, ma legati con un filo di porro che li ingentilisce e unisce, quasi abbracciando il passato al presente e con uno sguardo al futuro...magari aggiungendo  nel tempo, un ingrediente nuovo.
Ecco allora  le verze ripiene diventare da piatto povero della nostra tradizione contadina, quasi cenerentole, a fagottini di verza  serviti in tavola anche in occasioni di festa, quasi principesse.     
La verza ci è stata regalata da Luisa e Luciano e


questo è il loro orto fotografato all'inizio del mese di dicembre.
E' un orto felice, curato ed amato e lui, nonostante il periodo invernale ha ancora diversi prodotti da regalare: verze stupende, porri profumatissimi, e broccoli siciliani..di un buono..ma di un buono!


Eccola la verza che ci hanno regalato. Dobbiamo precisare che era molto più grossa.
Questa è la seconda volta che prepariamo questi fagottini di verza. La prima volta non siamo riuscite a fare le foto perchè le abbiamo servite il giorno di Natale ed eravamo molto indaffarate a coccolare i nostri ospiti.
Qualcuno chiede se sono piaciute?
Sono sparite in un lampo, quindi la risposta è SI!!  


biglietto della spesa:
1 verza
1 porro
100 gr. pane grattugiato
100 gr di parmigiano reggiano grattugiato
1 uovo
noce moscata grattugiata
sale, olio evo e pepe quanto serve
2 bicchieri circa di brodo vegetale


Lavare bene le foglie delle verze e le foglie del porro.
Farle sbollentare in abbondante acqua salata per un paio di minuti.
Stenderle ad asciugare su un canovaccio asciutto.
Fare con la punta di un coltello delle striscioline dalle foglie di porro: ci serviranno a legare i fagottini.


Prendere un tegame, mettere un filo di olio evo, fare a rondelline sottili il porro e lasciarlo appassire a fuoco basso 10-15 minuti senza che prenda colore. Aggiungere 2 cucchiai di triplo concentrato di pomodoro e 1 bicchiere di acqua calda. Fare cuocere ancora per 10 minuti.


Preparare intanto il ripieno. Mettere in una ciotola il pane grattugiato, una noce di burro e bagnarlo con brodo vegetale bollente, aggiungere l'uovo intero, il parmigiano grattugiato, salare, pepare, una bella grattata di noce moscata e mescolare il tutto con cura.


Con il ripieno così ottenuto fare con le foglie di verza (dividerle se sono troppo grosse) dei fagottini. La quantità del ripieno per ogni fagottino è come una grossa noce. Legarli, come se fossero dei pacchetti, con le striscioline di porro preparate precedentemente.


Mettere nel tegame con il sugo di porro già pronto tutti i fagottini e farli cuocere coperti per circa 20/25 minuti. Salarli, peparli e se necessario aggiungere un pochino di brodo vegetale nel sughetto.


Che dire? Sentite anche il voi il profumo vero?
Un bacio dalle 4 apine

20 commenti:

  1. Ciao apina che soddisfazione!!!! Ma come si fa a non divorare una bontà del genere, complimenti anche a Luisa e Luciano che coltivano con amore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Mariangela,
      passeremo i tuoi complimenti a Luisa e Luciano che
      davvero se li meritano per tutte le attenzioni
      che riservano al loro orto.
      Grazie e un bacio dalle 4 apine

      Elimina
  2. devo fare gli involtini di verza per il regime alimentare che devo seguire: grazie per il suggerimento di legarli con le foglie del porro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Simonetta,
      grazie a te e vedrai come è semplice utilizzare il "nastro" di porro per
      legare anche altre cose.
      Un bacio dalle 4 apine

      Elimina
  3. Risposte
    1. ciao Silvia,
      grazie infinite..ti rispondiamo solo ora perchè il
      commento era bloccato in SPAM.
      Passiamo presto anche dalla tua cucina a salutarti e
      un bacio dalle 4 apine

      Elimina
  4. Ciao Apine, siete meravigliose ... si sente il profumo da qui di quei bellissimi pacchettini!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Sabrina,
      i fagottini di verza fatti così sono anche gentili da vedere...oltre che
      gustosi e profumati.
      La prossima ricetta che faremo diventare una principessa è la polenta.
      Grazie e un bacio dalle 4 apine

      Elimina
  5. Deliziosi questi pacchettini !!! E la foto dell'orto è meravigliosa !! Un abbraccio, Carolina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Carolina,
      grazie infinite! Sai che nel prossimo post parleremo della mostra-concorso che
      la pro-loco di Varano Melegari organizza nel mese di Maggio sull'Orto e si
      chiamerà ORTOAMOREMIO!
      Ti facciamo sapere!
      Un bacio dalle 4 apine

      Elimina
  6. ma che splendido orto...è il mio sogno e qui a Verona non posso tenerlo,devo andare su in Trentino dalla mia nonna per "vivere" l' orto della mia nonna!queste verze sono un amore!deliziose

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Pappa Geniale,
      grazie di essere passata e... quell'apina che lavora svolazzante
      nel homepage del tuo blog CI PIACE MOLTO!!
      L'orto è un grande amore e quando è possibile averlo è un grande dono.
      Sai che nel prossimo post parleremo della mostra-concorso che
      la pro-loco di Varano Melegari organizza nel mese di Maggio sull'Orto e si
      chiamerà ORTOAMOREMIO!
      Magari riesci a partecipare con l'orto della tua nonna.
      Un bacio dalle 4 apine

      Elimina
  7. Adoro i fagottini di verza. Anche io domani sera li preparerò. Certo che invidia quel bellissimo orto. Anche io sogno di averne un giorno uno tutto mio, dove coltivare le mie verdure e i miei ortaggi preferiti e seguire, grazie a loro, il ritmo delle stagioni :D

    RispondiElimina
  8. ciao Paola,
    grazie infinite e se vuoi partecipare alla mostra concorso sull'orto
    della pro-loco di Varano Melegari che si svolgerà in Maggio, posteremo la locandina nel
    prossimo post, ...magari con il tuo progetto futuro.
    Un bacio dalle 4 apine

    RispondiElimina
  9. buonissimi questi fagottini!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Elena,
      grazie e a presto!
      Un bacio dalle 4 apine

      Elimina
  10. Da qui si vede che le api non sanno fare solo il miele, la cera ecc. ecc.
    Perché non la mandate anche a me una bella verza che qui conoscono solo i cavoli.
    Prendo nota della ricetta, in ogni caso.
    Ciao apine, buon proseguimento per il 2013.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Elio,
      hai visto che bella verza nell'orto di Luisa e Luciano?
      E come dici bene...non possiamo solo pensare di fare miele e
      cera!!
      Grazie Elio ci metti sempre di buon umore!
      Buona giornata e un bacio dalle 4 apine

      Elimina
  11. che bontà!!! adoro i fagottini di verza, piccolini così poi sono super carini e ancora più golosi! volevo farvi i complimenti per il blog, l'ho scoperto per caso ma ho già sbirciato altre ricette, tutte bellissime! mi sono anche aggiunta ai lettori fissi :)
    Passate anche da me se vi va!
    a presto,
    Michela

    RispondiElimina
  12. Gli involtini con la verza mi piacciono tanto ma i vostri sono anche molto chic con quel filo che li ferma.

    RispondiElimina