domenica 12 marzo 2017

QUANTI MODI DI FARE E RIFARE GULASCH DI MANZO (rindsgulasch)



Ciao a tutti...oggi abbiamo il nostro appuntamento preferito......
con le cuochine dei  Quanti modi di fare e rifare

             

Questa  bella iniziativa è stata ideata da      Anna, Ornella Cuochina 
e ha la "mission" (termine voluto dalla nostra apeingegnera...sempre piu' impegnata nel suo lavoro)   di rifare una ricetta, seguendo un menù  prestabilito "La Cucina Regionale della Cuochina"
menu-di-quanti-modi-di-fare-e-rifare.2017

Oggi è la volta di questa ottima ricetta regionale altoatesina


                                                   l Gulasch di manzo (Rindsgulasch)




Una piccola premessa, se non avete in casa la paprika dolce ed il cumino prima di rifare questa ricetta dovrete aggiungerli al biglietto della spesa....cosi' abbiamo fatto noi...trovando il cumino solo in semi che abbiamo poi macinato.
Riportiamo il procedimento della cuochina perchè lo abbiamo seguito scrupolosamente o quasi sostituendo la cipolla con il porro...per una ragione semplice...era cosi' bello e lo avevamo appena comperato al mercatino-bio del giovedì....      

Consigli e suggerimenti della Cuochina per il Gulasch di manzo (Rindsgulasch)


Dosi per 2 persone
250g di manzo
100g di passata di pomodoro
1 cipolla
brodo qb
1 cucchiaio di strutto
1 spicchio d'aglio
alloro, maggiorana
cumino, paprika
aceto, sale
scorza di limone



In una casseruola mettere lo strutto( si può sostituire con il burro), la cipolla tritata finemente e far appassire a fuoco lento (mescolando spesso)
Insaporire con un poco di aceto ed un cucchiaino di paprika.
Aggiungere la carne tagliata a grossi dadi e far soffriggere per qualche minuto,


unire poi la passata di pomodoro, l'aglio, due foglie di alloro, un pizzico di cumino, un rametto di maggiorana, un po' di scorza di limone grattugiata


e 100ml di brodo (di carne o vegetale, a scelta) ed il sale.
Mescolare, incoperchiare il recipiente e lasciar cuocere a fuoco moderato per 2 o 3 ore, fintanto che la carne diventi tenera, mescolando di tanto in tanto per evitare che si attacchi sul fondo (una pentola antiaderente sarebbe ideale). Se necessario, aggiungere del brodo.
A cottura ultimata, togliere l'aglio e le foglie di alloro, servire il gulasch ben caldo. E' ottimo con la polenta o con le patate in tecia anche se queste ultime sono triestine.



                  
raggi-di-sole-di-polenta                                          la-cenerentola-polenta.

Ecco il nostro "accompagnamento" al gulasch di manzo......
fiorellini di polenta al forno.
Per vedere come l'abbiamo preparata basta cliccare sulle ricette.


Abbiamo usato la forma a fiorellino perchè sta arrivando la primavera e bisogna dirlo ....fa allegria vero?


La ricetta è squisita e i suggerimenti della cuochina utilissimi.
Un grazie sempre  a   Cuochina, Anna, Ornella dei   Quanti modi di fare e rifare, per il loro grande lavoro e impegno.
Un caro saluto a tutte le cuochine che hanno rifatto insieme a noi il Gulasch di manzo.
Abbiamo già letto la ricetta per il prossimo appuntamento

                                                                    ASPETTIAMO.....curiose!!!


I prossimi consigli e suggerimenti per il Tagano
Ricetta regionale pasquale di Agrigento da prepararsi il Venerdì Santo 
e mangiare il lunedì di Pasquetta  (17 aprile 2017)
Un bacio dalle 4 apine

7 commenti:

  1. Buongiorno carissime Apine!
    La primavera finalmente si sta avvicinando accompagnata da tiepidi raggi solari, melodiosi cinguettii, gemme pronte a sbocciare...e bellissimi fiorellini di polenta:-)! Nell'attesa di ammirare la completa, meravigliosa rinascita della Natura, oggi abbiamo preparato un goloso piatto, adatto per tutte le stagioni: il gulasch di manzo.
    Cuochina, Anna e Ornella vi ringraziano per la vostra super golosissima versione!!

    Il prossimo appuntamento con l’allegra cucina aperta di Quanti modi di fare e rifare sarà il 9 aprile con una ricetta regionale siciliana, precisamente agrigentina, che si prepara il venerdì santo per gustarla il lunedì di Pasquetta: il il Tagano
    Vi aspettiamo!

    Un abbraccio
    Cuochina

    RispondiElimina
  2. Care Apine,
    non si poteva far torto al porro il suo aspetto è bellissimo e certamente nel vostro gulasch avrà dato il meglio di sé; bellissimi i vostri fiorellini di polenta e anche la cenerentola-polenta, alla prossima e un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. carissime siete fantastiche,il tocco delle apine si nota sempre,complimenti e felice domenica

    RispondiElimina
  4. Bravissime apine, ma quanto siete brave e fantasione i fiori di polenta fantastici. Buona settimana.

    RispondiElimina
  5. Carissime Apine, non poteva mancare il prato fiorito! bellissima la vostra versione tra fiorellini e raggi di polenta e che dire della cenerentola-polenta! Bravissime!
    Un abbraccio, alla prossima ...

    RispondiElimina
  6. "Mission" compiuta egregiamente...e si...i fiorellini fanno davvero allegria...sempre bravissime!!
    Un abbraccio!!!

    RispondiElimina
  7. ma che belli i fiorellini al forno, ed io che la polenta penso sempre di grigliarla e mi si rompe tutta!!! vi copirò alla grande! ciao Apine!!!!

    RispondiElimina